Crea sito

Ranitomeya amazonica

Ranitomeya amazonica è una rana appartenente alla famiglia delle Dendrobatidae.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA

Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Amphibia
Ordine Anura
Famiglia Dendrobatidae
Specie Ranitomeya amazonica

Ranitomeya amazonica (iquitos)
Ranitomeya amazonica (iquitos)

NOMENCLATURA BINOMINALE
Ranitomeya amazonica (Schulte, 1999)

SINONIMI
Dendrobates amazonicus (Schulte, 1999)

DISTRIBUZIONE
La sua diffusione nota al momento prevede ceppi di popolazioni di queste rane molto distanti fra loro, uno è collocato nel nord-ovest dell’Amazzonia in Perù (Regione di Loreto), l’altro è situato nell’estremo sud-est della Colombia (Dipartimento Amazonas) e si presume si possano rinvenire popolazioni anche in Brasile, estremo sud della Guyana, nella parte orientale della Guyana Francese e alla foce del Rio delle Amazzoni in Brasile.La presenza di questa rana è stata rilevata nella Riserva Nazionale Alpahuayo Mishana in Perù.

Ranitomeya amazonica da Iquitos, in Perù. Foto di Evan Twomey.
Ranitomeya amazonica da Iquitos, in Perù. Foto di Evan Twomey.

HABITAT
Il suo habitat d’elezione è la foresta amazzonica primaria o secondaria in ritardo. Si rinviene solamente nelle località di pianura. Gran parte del suo habitat è disabitato e relativamente incontaminato. Sono tollerate però dalla specie zone dove è presente una qualunque attività di disturbo (coltivazioni, allevamenti di bestiame, ecc.).

DESCRIZIONE
Ranitomeya amazonica è lunga 16-19 mm. La pelle nera è liscia. Il dorso è coperto lateralmente da strisce arancioni o rosse, mentre gli arti sono ricoperti da un reticolo azzurro, grigio o verde su di un fondo nero. Non è rinvenibile alcun segno distintivo di dimorfismo sessuale ma le femmine tendono ad essere leggermente più grandi rispetto ai maschi.


RIPRODUZIONE
Utilizza frequentemente le bromeliacee per deporre le uova (da 2 a 6) principalmente dove è presente dell’acqua nelle rosette delle piante. Dopo la schiusa il maschio trasporterà i girini il altri phytotelmata.

STATO DI CONSERVAZIONE
Sulla lista rossa della IUCN è indicata come “dati insufficienti” in base ad una valutazione datata 2004. Il numero degli esemplari presenti in natura è tuttora sconosciuto. Più recentemente Twomey, Brown e colleghi hanno suggerito che questa specie venga classificata come “Least Concern” (Brown, JL, et al. (2011). Una revisione tassonomica della rana genere neotropicale Ranitomeya. (Amphibia: Dendrobatidae) Zootaxa 3083: 1-120).


NOTE
È stata descritta la prima volta da Rainer Schulte nel 1999 come Dendrobates amazonicus quando separò la specie da Dendrobates ventrimaculatus , principalmente sulla base delle caratteristiche di chiamata. La validità delle specie è stato dibattuta, ma ulteriori studi, tra cui anche i dati genetici, sostengono la validità della specie.
C’è stato un notevole dubbio che circonda la validità di questa specie sin dalla sua descrizione nel 1999. Molti hanno sospettato che R. amazonica e la sua sorella R. taxon variabilis dovevano essere considerate una singola specie. Sono stati raccolti notevoli dati genetici e bioacustiche che sostengono il mantenimento di R. amazonica come specie valida, sorella di R. variabilis. Per una più ampia discussione di questo problema vedere Brown & Twomey et al. (2011).


Morph nominale
Questo è il Variante originariamente descritto da Schulte (1999). Esso si verifica in prossimità di Iquitos, in Perù. La maggior parte delle rane di questo morph possiedono strisce rossastre o arancioni lateralmente e sul dorso, anche se alcuni sono gialli e sembrano molto simili alla strettamente correlata R. variabilis.


Arena blanca morph
Si tratta di un morph di R. amazonica di relativamente recente scoperta. Si verifica anche in prossimità di Iquitos. Da qualche tempo si ha il sospetto che queste rane possanno appartenere ad una nuova specie, anche se numerosi dati genetici li includono ancora all’interno del clade amazonica. Molti individui hanno una sorprendente somiglianza con il simpatrica R. reticulata; si sospetta che questo possa rappresentare un altro esempio di mimetismo Muellerian nelle rane veleno.

Ranitomeya amazonicus arena blancaRanitomeya Arena Blanca 2 Ranitomeya Arena BlancaRanitomeya Amazonica Arena BlancaRanitomeya Amazonica Arena Blanca 2

Ranitomeya amazonica Iquitos

R. amazonicus Iquitos
R. amazonicus Iquitos

R. amazonica Iquitos 2 R. amazonica Iquitos 3 R. amazonica Iquitos 4 R. amazonica Iquitos 7 R. amazonica Iquitos 8 R. amazonica Iquitos 9R. amazonica Iquitos 5 R. amazonica Iquitos

Ranitomeya amazonica iquitos 5 Ranitomeya amazonica iquitosRanitomeya amazonica iquitos 2 Ranitomeya amazonica iquitos 3 Ranitomeya amazonica iquitos 4

10603412_1545490209105011_5219636373498499934_n

10414532_1545605379093494_4451450400923935781_n1510774_1545605435760155_7190196093856461018_nfoto Eduard Haunold

Ranitameya amazonicus arena blanca

Ranitameya amazonicus arena blanca
Ranitameya amazonicus arena blanca

7787_1029575347084299_2185042704072764769_nHere is shown the signal function of the brightly colored subgular vocal sac of amazonica- a feature we have in most Amazonian poison frogs.

Qui viene mostrata la funzione della sacca vocale posta sotto la gola dai colori vivaci di R. amazonica- una caratteristica che troviamo nella maggior parte delle rane veleno amazzoniche.

R. amazonica Red male and female.
R. amazonica Red male and female.
R. Amazonica Red
R. Amazonica Red

Ranitomeya amazónica