Crea sito

DENDROBATES AURATUS

 

DENDROBATES AURATUS

highland_bronze_auratus_front_1_2costa_rican_auratus_side_2
Il dendrobate dorato (Dendrobates auratus (Girard, 1855)) è un anfibio appartenente alla famiglia Dendrobatidae.

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Anura
Famiglia Dendrobatidae
Sottofamiglia Dendrobatinae
Genere Dendrobates
Specie D. auratus

Dendrobates-auratus-nic-aur1Ed1d3auratus morphDENDROBATES AURATUS

Dendrobates auratus from Río La Gloria, Provincia de Bocas del Toro, Panama. Photo by Thomas Ostrowski.
Dendrobates auratus from Río La Gloria, Provincia de Bocas del Toro, Panama. Photo by Thomas Ostrowski.

Nomenclatura binomiale
Dendrobates auratus
(Girard, 1855)
Sinonimi
Dendrobates amoenus
Werner, 1901
Dendrobates auratus
Dunn, 1931
Dendrobates latimaculatus
Günther, 1859
Dendrobates tinctorius var. auratus
Steindachner, 1864
Dendrobates tinctorius auratus
Laurent, 1942
Dendrobates trivittatus var. aurata
Peters, 1873
Hylaplesia aurata12140561_503161509858809_2151767868788092104_n
Cope, 1863
Hylaplesia tinctoria latimaculata
Dunn, 1941
Phyllobates auratus
Girard, 1855

10440808_291305764327074_715270520777911961_n

d210997771_172162983117358_2023487851019255986_n11209353_172162893117367_7839133481061895107_n

Dendrobates auratus blue
Dendrobates auratus blue
Auratus "Blue" - foto Дмитрий Б
Auratus “Blue” – foto Дмитрий Б

auratus_santa_maria_02111140118_10204750315502086_5856488062239155861_n11781789_10204628233570114_8506898561238961858_n11825109_10204628233850121_889347536280516273_n

PROVENIENZA
Dendrobates auratus vive in America Centrale dal confine sud-est del Nicaragua, in Costarica e a Panama fino al confine nord-ovest con la Colombia. La località tipo è  l’isola del Taboga situata nella baia di Panama nell’Oceano Pacifico. Una popolazione è presente nelle isole Hawaii, nell’isola di O’ahu dove si è naturalizzata in seguito all’introduzione per opera umana avvenuta nel 1956.

images
HABITAT E COMPORTAMENTO IN NATURA
L’habitat dove vivono è molto vario, normalmente si tratta del sottobosco della foresta pluviale in prossimità di zone d’acqua ma, prolificano anche in ambienti colonizzati dall’uomo come ad esempio le immense piantagioni di cocco della zona. Alcuni individui sono stati osservati ad altezze di 50 m. sopra gli alberi intenti a trasportare i girini nella civatà delle piante stesse.

D. auratus è comunque a tutti gli effetti una specie terricola che predilige come habitat la lettiera di foglie delle foreste umide nonostante si adatti a vivere bene anche in ambienti di natura diversa. Sono rane diurne e attive durante tutta la giornata.

Negli habitat più asciutti lungo il versante che dà sull’Oceano Pacifico molti morph sono inattivi durante la stagione secca e frequentano la lettiera di foglie solo dopo una giornata di pioggia.
L’altitudine più popolata è quella  che va dal livello del mare fino agli 800 mt.s.l.m. Alcuni morph di specie montane sono stati rinvenuti fino a 1200 m. di altezza s.l.m.

Entrambi i sessi tendono ad essere territoriali. Le femmine cercano di monopolizzare i maschi più forti e possenti e sono molto aggressive verso la controparte femminile.

D_auratus.2012-11-04D. auratus

DESCRIZIONE
È tra le specie più ricche di varietà cromatiche (ad oggi si conoscono quindici differenti colorazioni) e taglie (spazia da esemplari di 2,5 cm. fino a 6 cm.).
Il dimorfismo sessuale è molto poco accentuato, i maschi sono leggermente più piccoli e le femmine risultano lievemente più tozze. Per quanto meno evidenti rispetto ad altre Dendrobates, nei maschi i “pads” delle dita anteriori sono lievemente più estesi rispetto alle femmine.
La testa è appuntita.

Dendrobates auratus Blue
Dendrobate autatus “San Felix”
Dendrobates auratus “El Cope”
D. auratus El Cope

 

Dendrobates auratus “Superblue”
D. auratus Nicaraguan Green and Black

 

D. auratus “Camo”
D. auratus “Reticulated”
D. auratus “Microspot”

D. auratus 'morph unknown'.
D. auratus presenta un consistente numero di combinazioni cromatiche che distinguono le diverse popolazioni in base alla distribuzione geografica.
La forma nominale presenta una colorazione classica nera alternata a disegni e maculature verde chiaro metallizzato e si trova in Costarica, la colorazione blu-nera viene da Panama e la varietà nera con piccole chiazze verdi dal Nicaragua. Altre forme, molto più rare da trovare nel mercato hobbystico sono: marroni, bianche a bande gialle, verdi con piccoli puntini e albine. Spesso si acquistano delle D. auratus dalla caratteristica verde chiaro e nera credendo si tratti di animali provenienti dal Costarica, in realtà sono sempre raganelle dal colore molto simile provenienti da alcune popolazioni panamensi. Sempre dalle regioni di Panama provengono invece altri morph particolari, tra i quali l’auratus blu, l’auratus Ancon Hill, il Taboga, il Campana e molti altri.
La sua colorazione, come per tutti i Dendrobatidi, vale da deterrente contro i predatori.

auratus-collage11836777_10153129525272075_6629476027949047000_n 11836874_1610239582591323_8587550760337992702_n12107060_876640692432124_6811761459515448068_n

Dendrobates auratus micro spot

Dendrobates auratus micro spot
Dendrobates auratus micro spot

auratus.3 auratusauratus.21513676_292585080865809_7450054655108258347_nAuratus MicrospotAuratus C.R.A.R.C.Auratus Blue and bronze

Dendrobates auratus camouflage
Dendrobates auratus camouflage
Dendrobates auratus blue
Dendrobates auratus blue
Dendrobates auratus reticulated
Dendrobates auratus reticulated

D. auratus – colombian yellow

D. auratus – reticulated

12042864_1011000018962580_2728736237186505840_n

Morph “Alto de Piedra” – Panama
Questo morph degli altipiani è uno dei più grandi. Gli adulti raggiungono dimensioni che vanno dai 38 ai 42 mm. Il morph è rinvenibile sulle pendici del versante Pacifico, vicino a Santa Fè, in provincia di Veraguas a Panama ad altitudini comprese tra 700 e 1000 m. La temperatura rilevata in questi luoghi è abbastanza moderata ed è compresa tra i 20°C e i 26°C durante il giorno mentre di notte può scendere a 12-15°C. Le rane di questo morph vivono nella foresta primaria lungo i torrenti. Spesso preferiscono vivere nella lettiera vicino a grandi tronchi d’albero. Il loro corpo è costituito da strisce verdi metallizzate e lucide o bluastre-verdi oppure a macchie verdi su un fondo nero. Il ventre appare bluastro. È probabilmente una delle specie più minacciate. Secondo le popolazioni locali questa rana una volta veniva rinvenuta in densità molto elevate mentre oggi è molto rara. Si racconta che le rane di questo morph che vivono a cavallo tra la zona premontana e quella montana siano diminuite a causa di una infezione che ha colpito gran parte della popolazione di questi anuri. Forse è per questo motivo che questo morph di D. auratus è in pericolo di estinzione e dovrebbe essere una specie da tutelare. Questo morph non sembra essere allevato in cattività in Europa.

auratus_piedra1 auratus_piedra2 auratus_piedra3 auratus_piedra4

D. auratus 'Alto de Piedra' - Panama. 3 D. auratus 'Alto de Piedra' - Panama. 4 D. auratus 'Alto de Piedra' - Panama.D. auratus 'Alto de Piedra' - Panama. 2

Morph “Caldera”

Questo è un morph dal colore blu, di dimensioni notevoli raggiungendo i 33-38 mm. e può essere rinvenuto vicino a Caldera, in provincia di Chiriqui, a Panama ad altitudini comprese tra i 300 e i 500 m. Queste rane abitano zone di foresta umida in una regione molto secca lungo i piccoli corsi d’acqua e sulle rive dei fiumi più grandi. La maggior parte degli individui presentano una colorazione che dall’azzurro cielo al turchese ma raramente sono state rinvenute anche rane dal colore verde chiaro. Questo morph è stato segnalato anche in località vicine al loro luogo d’origine.

Dendrobates auratus_Caldera_01 Dendrobates auratus_Caldera_02 Dendrobates auratus_Caldera_03

Dendrobates auratus_Caldera_03

Morph “Taboga”

Le popolazioni di questo morph si trovano sulle due piccole isole di Taboga e Taboguilla nella baia di Panama. Con i suoi 28-30 mm. questo è uno dei morph più piccoli. Queste rane presentano una colorazione formata da bande metalliche giallo-verdi, linee, macchie o ornamenti reticolari su uno sfondo bronzo-marrone. I giovani e gli esemplari semi-adulti presentano un colore di base nero che diventa sempre più lucido con il passare del tempo. l’Isola di Taboga è la località tipo per questo morph, quindi questo viene considerato il morph “Nominale” o “Nominate Morph”. Circa 200 esemplari di questo morph sono stati introdotti nel 1932 alle Hawaii come arma biologica contro le zanzare. Oggi queste rane si sono naturalizzate e si sono propagate come una popolazione stabile sull’isola di O’ahu.

auratus_taboga_01 auratus_taboga_02 auratus_taboga_03 auratus_taboga_biotope

D. auratus 2D. auratus 3 D. auratus 4D. auratusD. auratus 'Taboga' si possono trovare sul isola di Taboga. Questa isola depone davanti alla costa vicino a Panama City, nell'Oceano Pacifico.D. auratus ‘Taboga’ si possono trovare sul isola di Taboga. Questa isola depone davanti alla costa vicino a Panama City, nell’Oceano Pacifico.

D. auratus 'Taboga' si possono trovare sul isola di Taboga. Questa isola depone davanti alla costa vicino a Panama City, nell'Oceano Pacifico. 2D. auratus 'Taboga' si possono trovare sul isola di Taboga. Questa isola depone davanti alla costa vicino a Panama City, nell'Oceano Pacifico. 3D. auratus 'Taboga' si possono trovare sul isola di Taboga. Questa isola depone davanti alla costa vicino a Panama City, nell'Oceano Pacifico. 4

Morph “Santa Maria”

Questa popolazione polimorfa si trova vicino a Santa Fè, in provincia di Veraguas a Panama. Le rane presentano dimensioni che vanno dai 32 ai 36 mm. Il loro colore varia dal verde, turchese, a bande o macchie blu su sfondo nero. Si rinvengono perlopiù nelle foreste umide vicino a torrenti o lungo i fiumi, intorno alla zona secca della provincia di  Veraguas, versante Pacifico. E’ facile rinvenirle intorno alle zone golenali del Rio Santa Maria in quota da 50 a 500 m. di altitudine.

auratus_santa_maria_biotope

10255921_291764824281168_1145390780325225377_n10994928_291764844281166_6088244336364703480_n11069295_291764867614497_2931741354332147509_n 11070381_291764854281165_7668934701778337881_n11069861_291764950947822_7769900036513528780_n 10401521_291764907614493_8661230276578463759_n 10501730_291764930947824_2392605113642389987_n10410159_291764894281161_8748350181044813940_n

Morph “San Felix”

Si tratta di un morph di medie dimensioni, all’incirca 30-32 mm. e può essere rinvenuto lungo il Rio San Felix, in provincia di Chiriqui a Panama. Questo morph assomiglia alle rane provenienti dalla Zona del Canale ma il colore di fondo è marrone chiaro come il caffè latte e non un marrone scuro o nero. Presenta una colorazione con macchie verdi-gialle o linee, più raramente virgole. Questo morph si trova in una zona molto asciutta e durante la stagione secca le rane si trovano in gran numero nelle tasche umide sotto le rocce o radici accanto alle rive dei fiumi.

auratus_san felix_01 auratus_san felix_02 auratus_san_felix_biotopeMorph “Kuna Yala”

Un altro strano morph delle pianure caraibiche a Panama orientale. Questo morph si rinviene ad altitudini tra 600 e 800 m. sul Serrania de San Blas nel territorio semi-autonomo di Kuna Yala. Morph di medie dimensioni, da 32 a 35 mm. Mostra un insolito disegno a bande bianche, reticolato o a spot su di uno sfondo marrone scuro. I giovani invece presentano un colore marrone scuro uniforme senza nessun motivo o disegno. Il colore diventa luminoso durante la maturità e raggiunge il tono bianco-crema solo dopo diversi anni. Durante i primi anni di vita questo morph può essere confuso molto facilmente con un altro morph molto simile: “Capira”.

auratus_kuna_yala auratus_kuna_yala_02 auratus_kuna_yala_03 auratus_kuna_yala_biotopeMorph “Caribe”

Il morph con la più grande distribuzione, si rinviene infatti lungo la costa caraibica da sud-est del Nicaragua a Panama occidentale lungo la provincia di Bocas del Toro. Il suo colore è composto da grandi macchie o bande dal giallo-verde al turchese-verde su di uno sfondo nero. Il morph con la colorazione verde occupa il 50% del totale della popolazione di questo morph. E’ uno dei più grandi morph, le sue dimensioni variano dai 33 ai 38 mm. Le femmine sono leggermente più grandi mentre i maschi mostrano il palmo delle zampe spesso più ampio di quello delle femmine. Questo morph viene spesso designato come “Nominale” a causa della sua ubiquità nei terrari ma in realtà è il morph designato come “Isla Taboga” ad essere designato come tale.

auratus_caribe_02 auratus_caribe_04 auratus_caribe_biotopeMorph “Capira”

Lungo il Rio Capira e i torrenti adiacenti ai piedi del Parco Nazionale di Altos de Campana si verifica una metamorfosi simile al morph Kuna Yala. M entrambe le popolazioni sono divise da più di 100 km di distanza. Il morph Capira mostra un disegno color crema o beige formato da bande, macchie e linee reticolari su uno sfondo marrone-rossastro (il morph Kuna Yala invece presenta disegni bianchi su di uno sfondo marrone scuro). Questa D. auratus presenta una grandezza media, dai 32 a 35 mm. Questo morph è chiamato “Campana” o “Kaluah & Cream”. In contrasto con il morph Kuna Yala, questo morph è molto timido e diventa attivo solo nella stagione secca. Le rane vivono perlopiù in zone boschive lungo corsi d’acqua o tra grandi rocce vulcaniche in piccole foreste ad altitudini che variano dai 50 ai 400 m.

A quote più elevate nel Parco Nazionale di Altos de Campana, esiste un morph un pò più piccolo, di diverso colore, con piccole linee blu-verde su sfondo marrone scuro. Questo morph si estende lungo il Rio Capira fino alle pianure mescolandosi con il morph “Capira”. In questa zona di “incrocio” si trovano rane con un disegno “misto”. Le rane allevate in cattività che hanno origine in queste zone vengono chiamate “Camouflage”.

auratus_capira_01 auratus_capira_02 auratus_capira_03 auratus_capira_biotopeMorph “Canal Zone”

Un altro morph dalla vasta gamma. La sua presenza si estende lungo tutto il Canale di Panama dall’Oceano Pacifico fino al Mar dei Caraibi. Questo morph presenta dei piccoli puntini verdi o bluastri, raramente linee su di uno sfondo nero o marrone scuro. Alcune popolazioni molto simili sono note in  diverse località vicine, come Santa Rita, Parco Nazionale Soberania, Ancon Hill o Barro Colorado. Morph divisi dall’essere umano dopo la costruzione, agli inizi del secolo scorso, del Canale di Panama.

auratus_canal_zone_02 auratus_canal_zone_03 auratus_canal_zone_biotope auratus_canal_zone_cerro_ancon auratus_canal_zone_cerro_ancon_02auratus_capira_01Morph “Calobre”

Vicino ai siti del morph “Santa Maria” un morph blu si trova lungo i torrenti nei pressi del villaggio di Calobre. Le rane di questa popolazione sono facilmente distinguibili dalle altre D. auratus di colorazione blu a causa delle loro piccole dimensioni, da 30 a 33 mm. Questo morph è il più piccolo morph blu ed è molto comune in terrario. Questo morph è stato considerato un tempo in via di estinzione. In realtà questo morph vive in un luogo asciutto, in limitate zone vicino a piccoli corsi d’acqua, ma la popolazione sembra essere stabile. A causa della loro timidezza e del loro stile di vita molto riservato il numero di individui censiti è molto sottostimato. A mio parere questo morph è vulnerabile ma non ancora in pericolo d’estinzione.

auratus_calobre_01 auratus_calobre_02 auratus_calobre_biotope Morph “Bronce”

Questo morph panamense si rinviene sulle pendici caraibiche della Cordillera Central in provincia di Coclè. E’ un morph di pianura con una distribuzione però verticale fino a 500-700 m. e temperature di 25-28°C. E’ un morph di medie dimensioni, 32-35 mm. Risulta essere uno dei morph più belli. Le rane adulte mostrano un colore variabile dal verde metallico, turchese, con bande o macchie blu (raramente reticolato) circondate da un bordo marrone scuro, su di uno sfondo bronzo chiaro o bianco-argenteo con riflessi metallici. Al contrario, i giovani e i sub-adulti mostrano un colore di base nero e il colore che assumono da adulti arriva dal terzo anno e più. Come molti altri morph si tratta di una popolazione polimorfa molto variabili in cui gli individui verdi, blu, turchese vivono in simpatria mescolando le popolazioni. Pochi individui sono stati importati legalmente da Panama alla Germania per la prima volta nel 1992 da Holger Birkhahn e Klauss Wassmann. La maggior parte delle rane di questo morph in Europa sono discendenti degli esemplari importati in Germania. Alcune di queste rane sono state denominate con svariati nomi: “Bronce blue”, “Bronce verde”, “microspot”, “Birkhahn Line” o “Wassmann Line”, “Panama special”. Tutte queste rane però provengono dallo stesso unico ceppo riproduttore.

auratus_bronce auratus_bronce_02 auratus_bronce_03 auratus_bronce_biotopeMorph “Pacifico”

Un altro morph dall’ampia distribuzione che va dalla costa di fronte all’Oceano Pacifico all’ingresso nell’Istmo di Panama dal lato caraibico. Rane di questo morph si rinvengono dalla Provincia di Puntarenas, nel centro del Costarica e nella Provincia di Chiriqui nel sud-ovest di Panama ad altitudini di 5-600 m. I confini settentrionali e meridionale della distribuzione di questo morph sono contrassegnati dalla distribuzione della dry-forest (foresta pluviale) nel nord del Costarica e nel Panama Centrale. Il sito più a nord dove sono state rinvenute queste D. auratus sul versante Pacifico è la foresta di piante semi-decidue di Carara, in Costarica. E’ un morph di medie dimensioni, 30-32 mm. Il disegno è costituito da strisce verdi o giallo-verdi metalliche e macchie su di uno sfondo nero. Il disegno verde comprende il 50% della popolazione di questo morph. In contrasto con il morph “Caribe”, individui di questo genere sono più piccoli e hanno in percentuale meno popolazione dal disegno giallo-verde. Queste rane sono molto timide e rimangono inattive nella stagione secca che va da gennaio a marzo.

auratus_bronce_biotope auratus_Pacific_02 auratus_Pacific_03 auratus_Pacific_04Morph “Capurganà”

Un bellissimo, piccolo morph proveniente dal norde della Colombia. Si rinvengono popolazioni di questo morph dal nord-est del Choco in Colombia fino al confine con Panama. Questo morph caraibico raggiunge i 27-30 mm. Il loro disegno è composto da grandi macchie di colore giallo-verde (raramente bande) su di uno sfondo nero. Sono state rinvenute popolazione di questo morph vicino al villaggio di Capurganà. Le rane abitavano le colline intorno a questo villaggio, colline ricoperte da foresta pluviale di pianura primaria e secondaria. Molti dei loro habitat sono situati vicino alla costa caraibica (5-10 m. s.l.m.). Questi habitat erano densamente popolati, sono stati infatti rinvenuti più di 10 esemplari per ogni 10 metri quadrati. Questa rana è molto audace e risulta decisamente attiva durante il giorno.

auratus_capurgana_02 auratus_capurgana_03 auratus_capurgana_biotop01 auratus_capurgana_biotop02 Dendrobates auratus reticulated

Dendrobates auratus reticulatedDendrobates auratus black

Dendrobatus auratus blackDendrobates auratus El Cope

Dendrobates auratus el copeDendrobates auratus “Santa Fé”

Dendrobates auratus 'Santa Fe' 2 Dendrobates auratus 'Santa Fe' 3 Dendrobates auratus 'Santa Fe'Dendrobates auratus ‘Sante Fe’, highland blue. Provincia di Veraguas, Panama

Dendrobates auratus 'Sante Fe', highland blue. Provincia di Veraguas, Panama

Dendrobates auratus 'Sante Fe'

D. Auratus Bocas

D. Auratus BocasD. auratus ‘Alto de Campana’ – Panama.

D. auratus 'Alto de Campana' - Panama.D. auratus 'Alto de Campana' - Panama. 2 D. auratus 'Alto de Campana' - Panama. 3 D. auratus 'Alto de Campana' - Panama. 4Dendrobates auratus “blue” – Questo morph si trova lungo le rive dei tanti fiumi che scorrono nella zona di El Valle de Anton.

D.auratus 'Blue'. This morph can be found along one of the many rivers that flows from El Valle de Anton area into the Ocean. 2 D.auratus 'Blue'. This morph can be found along one of the many rivers that flows from El Valle de Anton area into the Ocean. 3 D.auratus 'Blue'. This morph can be found along one of the many rivers that flows from El Valle de Anton area into the Ocean. 4 D.auratus 'Blue'. This morph can be found along one of the many rivers that flows from El Valle de Anton area into the Ocean.Dendrobates auratus ‘Rio Cascajal’

Dendrobates auratus 'Rio Cascajal'Dendrobates auratus 'Rio Cascajal' 2Dendrobates auratus reticulated

Dendrobates auratus reticulated
Dendrobates auratus reticulated
D. auratus pena blanca
D. auratus pena blanca

D. auratus blue and bronze

10625015_976019909087884_5956261978481122837_n 11998852_976019845754557_2512603580409955163_n11999033_976019835754558_9090621994372476804_n 12002046_976019942421214_3966763456281989386_n12006189_976019839087891_5451897125081344287_n 12019910_976019915754550_5556227907717335779_n 12027762_976019905754551_3436964703532225226_n

RIPRODUZIONE  IN NATURA

La deposizione delle uova e lo sviluppo larvale dei girini si verifica nella lettiera di foglie. Solitamente è il maschio ad occuparsi della cura delle uova. Una volta schiusi i girini vengono portati dal maschio, separatamente, in piccole piscine stagionali nelle cavità degli alberi, nelle cavità di grandi foglie o in piccole depressioni che si formano tra le pietre dei fiumi o dei torrenti. I girini si nutrono prevalentemente di larve di artropodi e tendono verso il cannibalismo se il cibo scarseggia.

D. auratus 'Blue'.
D. auratus ‘Blue’.

Dendrobates auratus ‘Rio Cascajal’ Panama

Auratus pena blanca 3
Auratus pena blanca
Auratus pena blanca
Auratus pena blanca
Auratus pena blanca 2
Auratus pena blanca

Dendrobates auratus 'Rio Cascajal' PanamaDendrobates auratus 'Rio Cascajal' Panama 2

STATO DI CONSERVAZIONE

Secondo lo IUCN esistono diversi morph del versante che da sull’Oceano Pacifico che presentano dei problemi di conservazione della specie a causa delle loro piccole e frammentate gamme di specie, immerse nel paesaggio agrario creato dall’uomo a discapito della foresta pluviale. Al contrario, il morph “Blu”, che si credeva in via di estinzione, è stato considerato un problema sopravvalutato in quanto frutto di una carenza nei rilevamenti fatti sul campo del numero reale di questi animali. Molte sono le località infatti, sul versante Pacifico di Panama, dove è possibile rilevare la presenza di morph “blu”. Inoltre come abbiamo già visto, Dendrobates auratus risulta essere una specie sinantropica che popola cioè, anche zone di vegetazione secondarie come piantagioni, parchi, giardini e persino discariche. L’ampia riproduzione in cattività ha favorito poi la diminuzione della domanda di esemplari prelevati in natura e di contrabbando.

blue-and-black-dart-frog-dendrobates-auratus-adam-jones

ALLEVAMENTO IN TERRARIO
Probabilmente è la specie più adatta per i neofiti, è di facile mantenimento e si riproduce senza grossi problemi.
Le dimensioni del terrario dipendono dal numero di esemplari che si vogliono allevare.
Per 4-5 esemplari è necessario un terrario di medie dimensioni ( 60x50x50 approssimativamente) arredato con rami , radici e mezzi gusci di cocco. Queste rane amano una fitta vegetazione costituita da Bromelie ( Neoregelia , Vriesea , Nidularium …….etc ) , felci epifite ( Microsorium , Pirrosia , Pesopteris …… ecc ) e orchidee , nonchè rampicanti da fissare alle pareti come Ficus repens , Scindapsus aureum e Philodendron scandens. Il fondo del terrario potrà essere coperto da uno strato di torba, muschio e foglie secche di quercia.
Il substrato dovrà essere composto da corteccia di pino coperta da uno strato di muschio. Sulla parete posteriore del terrario potranno essere fissate delle piante del tipo Ficus pumila, Bromelie tipo Guzmania e altre piante come le Spathyphyllum, quest’ultime da mantenere in idrocoltura. Queste piante rendono l’ambiente estremamente naturale e selvatico.
L’illuminazione dovrà essere garantita per almeno 12 ore al giorno. L’umidità ideale è compresa tra il 70% ed il 90% e la temperatura ideale dovrà rimanere tra i 20 e i 28°C.

stock-footage-two-green-and-black-poison-dart-frogs-dendrobates-auratus-on-a-bromeliad-leaf

Dendrobates auratus 'Hawaiian'
Dendrobates auratus ‘Hawaiian’

Alimentazione
Drosophyla hydei e melanogaster attere, Collemboli, “porcellini di terra” (Trichorhina tomentosa), afidi, piccoli e medi Tisanuri (Thermobia sp.).Occasionalmente accettano mini grilli, piccole camole del miele, piccole larve di Tenebrio molitor e simili, per quanto non sia consigliabile eccedere con prede eccessivamente chitinose. L’aggiunta occasionale di un preparato multivitaminico alternato a dosi estremamente blande di calcio e Vitamina D3 può essere consigliabile, fermo restando che sulla questione le scuole di pensiero sono divergenti.
Gli insetti andranno somministrati 1-3 volte al giorno abbondantemente
Il cibo dovrà essere somministrato una o due volte al giorno subito dopo un’abbondante vaporizzata e consisterà in Drosophile hydei cosparse di Carbonato di Calcio.

Dendrobates.auratus.7040
Igiene
Nonostante le loro piccole dimensioni le Dendrobates producono molte deiezioni , per cui è necessario cambiare quotidianamente l’ acqua dei recipienti presenti nel terrario. A seconda delle necessità andrà sostituita la lettiera di foglie ed eventualmente pulite le piante. E’ buona norma pulire accuratamente i vetri rimuovendo lo sporco ed eventuali formazioni di calcare ed alghe. Una scrupolosa igiene del terrario aiuta a prevenire potenziali infezioni causate dai batteri.
Attrezzature
Per quanto la questione risulti controversa, è possibile utilizzare lampade ad emissione uva-uvb al 2% anche se ottimi risultati si ottengono anche usando comuni lampade a luce diurna, fitostimolanti o ancor meglio plafoniere esterne “PL”. Come osservato e fondamentale un apporto continuo di calcio più D3 a prescindere dalla natura delle lampade che useremo.
La temperatura ideale si aggira tra i 24 e i 26 gradi centigradi con un lieve calo notturno di alcuni gradi. Il tasso di umidità dovrà essere mantenuto sul 75-90% . Per simulare la stagione secca , tra gennaio e febbraio si potranno ridurre le nebulizzazioni al minimo abbassando di qualche grado le temperature ( mai per periodi prolungati sotto i 19 gradi centigradi )
Il riscaldamento del terrario andrà valutato in base alle temperature invernali della stanza dove è collocato. In linea di massima un cavetto riscaldante di 15-20W opportunamente collegato ad un termostato dovrebbe soddisfare le esigenze termiche delle rane. Il cavetto può essere collocato nel materiale di fondo alcuni cm sotto la superficie, o se si preferisce esternamente lungo le pareti laterali o di fondo.
Per quanto riguarda il mantenimento del tasso di umidità ci si può affidare a 2-3 nebulzzazioni manuali quotidiani con acqua osmotica o ad un impianto ad ugelli programmabile. Del tutto sconsigliabile l’uso dei fogger ad ultrasuoni.

Dendrobates-auratus-reticulated1E

RIPRODUZIONE
D. auratus si riproduce abbastanza facilmente in cattività. Vale per tutte le specie: il presupposto necessario per ottenere buoni risultati nella riproduzione è disporre di animali in eccellenti condizioni di salute, quindi ben nutriti e non affetti da carenze alimentari e calcio-vitaminiche più o meno manifeste. Un ‘ alimentazione il più possibile varia è fondamentale ai fini dell’ottenimento di girini di buona qualità.
Alla fine della simulazione del periodo “secco”, durante il quale avremo ridotto la frequenza delle nebulizzazioni e abbassato di qualche grado la temperatura , riporteremo i parametri climatici ai livelli standard aumentando ulteriormente le nebulizzazioni e somministrando cibo in abbondanza. .
Le rane raggiungono la maturità sessuale dopo circa un anno d’età. A questo punto si consiglia di introdurre dei nascondigli come delle mezze noci di cocco tagliate a metà e capovolte sopra un disco Petri. Quando queste splendide rane sono pronte ad accoppiarsi si assiste a delle vere e proprie “lotte di sumo” tra le femmine del gruppo.

L'immagine può contenere: cibo

auratus

Durante il corteggiamento il Dendrobates dorato è molto insolito.
Il corteggiamento può prolungarsi per alcune ore e ha inizio con canti prolungati dei maschi. Quando la coppia si forma il maschio continua a cantare ma in un primo momento ignora la femmina che gli si avvicina e lo segue, dopo una lunga serie di spinte e piccoli tocchi sulla schiena, questa però lo convince ad entrare nella noce di cocco.
Disponendo di sessi distinti l’accoppiamento avviene spontaneamente: la femmina depone le uova ( da 4 a 10 in media ) sulle foglie di grandi Bromelie ma preferibilmente nei dischi petri che avremo preventivamente collocato sotto i mezzi gusci di cocco.
La femmina depone le uova sul fogliame o sul disco di Petri, ma di solito è il maschio che le protegge, talvolta occupandosi di più di un grappolo per volta. Quando le uova si schiudono il maschio porta i girini in pozzanghere d’acqua e le ripara dentro a fessure arboree.
Anche se lasciar fare alla natura sarebbe la cosa eticamente migliore, l’allevamento artificiale è quello che garantisce maggior successo.

auratus.2
Per questo, dopo 24 ore circa, a fecondazione avvenuta da parte del maschio , sarà opportuno togliere il disco con le uova e collocarlo in un contenitore al buio alla temperatura di 24-25 gradi centigradi. E’ fondamentale mantenere un filo di acqua osmotica attorno alle uova, avendo cura di non sommergerle ma soltanto lambirle. Per prevenire la proliferazione di muffe è utile aggiungere all’acqua una goccia di antimicotico per uso acquariologico o in alternativa, senza usare la chimica, dei pezzetti di foglie di quercia. Le uova andranno nebulizzate 2-3 volte al giorno sempre con acqua osmotica eventualmente togliendo, con l’ausilio di una siringa, l’acqua in eccesso.
Nel caso in cui alcune uova vengano intaccate da micosi, bisogna intervenire isolandole con una lametta da quelle sane e aspirandole con una siringa priva d’ago per eliminarle dal gruppo. Dopo dodici/quindici giorni i girini escono dalla loro massa gelatinosa rompendo l’uovo e vanno trasferiti in piccoli contenitori. I girini della stessa covata possono essere mantenuti insieme. Crescendo però, data la loro indole cannibalesca, andranno collocati singolarmente, in recipienti contenenti acqua rigorosamente di rubinetto trattata con un biocondizionatore o decantata per qualche giorno o acqua oligominerale. Da evitare assolutamente l’uso di acqua osmotica.
Inizialmente il livello dell’acqua dovrà essere molto ridotto, per poi progressivamente aumentare in relazione alla crescita dei girini. Nei recipienti di allevamento risulterà utile collocare delle piante quali Vesicularia dubyana, Cabomba sp. o Ceratophyllum sp.
Data l’elevata produzione di rifiuto organico da parte dei girini, risulterà necessario un cambio totale dell’acqua ogni 1-2 giorni al massimo, fermo restando che un cambio quotidiano risulta consigliabile; in questa fase sono da evitare nel modo più assoluto gli sbalzi termici. La temperatura ideale di allevamento delle larve è di 24-25 gradi centigradi.

auratus.3 auratus.4

Una dieta composta da mangime per pesci tropicali più delle alghe come la spirulina, garantisce ottimi risultati di crescita. La metamorfosi avviene dopo 10-15 settimane a seconda della temperatura, della frequenza dei cambi d’acqua, dal numero di girini allevati insieme e dalla quantità di cibo.
Personalmente somministro un “pappone” ottenuto da cibo liofilizzato per pesci tropicali, spirulina e un pizzico di calcio in polvere e vitamina D3 inumidito con alcune gocce d’acqua sino ad ottenere un impasto morbido molto omogeneo che si conserva in frigorifero per qualche giorno. Il quantitativo di cibo da somministrare varia a seconda dello stadio di sviluppo dei girini, personalmente ho osservato che i girini mangiano parecchio quindi la somministrazione del cibo potrà essere frazionata in più fasi quotidiane.
Dopo circa 90 giorni,i girini saranno prossimi alla metamorfosi : per prime appariranno le zampe posteriori e dopo breve quelle anteriori. A questo punto andrà sospesa del tutto l’alimentazione ed abbassato drasticamente il lvello dell’acqua,avendo cura di predisporre una sorta di “rampa” con un pezzo di sughero o altro materiale che permetta alle ranette di abbandonare l’elemento liquido.
I froglets andranno collocati in contenitori di plastica ermeticamente chiusi sui quali avremo preventivamente fatto alcuni piccoli fori per l’aerazione. Sul fondo dei contenitori collocheremo una carta assorbente estremamente umida e alcune foglie di Pothos o Philodendron.Il contenitore dovrà risultare saturo di umidità e le Dendrobates neometamorfosate andrano lasciate indisturbate sino al riassorbimento della coda.
A questo punto potremo iniziare ad alimentarle con Collemboli e Deosophila melanogaster occasionalmente cosparse di calcio e D3 o un buon prodotto multivitaminico come il Korvimin ZVT. Per circa un mese ci limiteremo a sostituire la carta assorbente e nebulizzare se necessario.
Le piccole rane potranno essere spostate in un terrario di allevamento dopo circa un mese, un mese e mezzo (da sole ovviamente e mai con gli adulti)
Le D. auratus neometamorfosate sono copie identiche dei propri genitori e crescono velocemente, vanno mantenute in un piccolo contenitore con nascondigli e un contenitore posizionato in un angolo riempito di terriccio con collemboli e microinsetti. Molto importante è la somministrazione giornaliera di cibo come Drosophila melanogaster arricchite con calcio e vitamine.2578

CURIOSITA’
Dendrobates auratus, per quanto conservi, in terrario come in natura, un carattere relativamente timido e a volte elusivo, a differenza delle più audaci D. tinctorius e Phyllobates terribilis , è una Dendrobatidae altamente consigliata al neofita in quanto facile da allevare, robusta e non impossibile da riprodurre in cattività.

In un terrario grande e ben arredato è possibile mantenere D. auratus con altre specie provenienti dalla stessa zona come Oophaga pumilio e Phyllobates lugubris, oltre alla spettacolo naturale riprodotto si potrà assistere a vere e proprie “lotte di sumo” tra animali di taglia e colori completamente diversi.

Se rane di questo genere vengono incrociate con D. tinctorius e D. leucomelas, quasi sempre i risultati sono quelli di ottenere una prole sterile.

adam-jones-green-and-black-poison-dart-frog-dendrobates-auratus-costa-ricaDendrobates auratus bocasDendrobates auratus camouflageDendrobates auratus (2)Dendrobates auratus. 2 Dendrobates auratus

Dendrobates Auratus 'Tobago'
Dendrobates Auratus ‘Tobago’
Dendrobates auratus 'panama special'
Dendrobates auratus ‘panama special’

11044550_1543656319249650_7831821782871208956_n

D. auratus "calobre"
D. auratus “calobre”

D. Auratus Columbian ‘yellow’

D. Auratus Columbian 'yellow' 2 D. Auratus Columbian 'yellow'