Crea sito

RANITOMEYA IMITATOR

0762RANITOMEYA IMITATOR
(Sculte, 1986)

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA

Regno: Animalia

Phylum: Chordata

Classe: Amphibia

Ordine: Anura

Sottordine: Neobatrachia

Famiglia: Dendrobatidae

Genere: Ranitomeya

Specie: Ranitomeya imitator

Nome binominale

Ranitomeya imitator

(Frost et al, 2006)

Sinonimi

Dendrobates imitator (Schulte, 1986)

13442163_1763644000515747_4475065697874726220_n

Ranitomeya-imitator-tarapoto2E_2ETIMOLOGIA
Il nome di questa rana deriva chiaramente dalla capacità di imitare le varie colorazioni di altre specie più velenose con le quali viene a contatto.

Ranitomeya-imitator-nominal1E
PROVENIENZA
Ranitomeya imitator è una specie proveniente dal Perù, il suo areale di distribuzione è vasto e variegato, tanto da poter essere distinto in varie zone le quali rappresentano in se anche le varie colorazioni di questa stravagante specie:
• Highland form (simil variabilis): appartengono a questa categoria le popolazioni che vivono in zone di montagna, che si estendono sulla Cordigliera orientale nei pressi di S. Martin, ad una altitudine che varia dai 250 ai 1000 m slm.
Lowland form: appartengono a questa categoria le popolazioni che vivono in una zona di pianura che si estende nei pressi di Rio Huallanga (dipartimento di Loreto), ad una altitudine massima sotto i 300 m slm.
Fantastica form: popolazione che si estende in una fascia relativamente ridotta presso il Rio Huallaga, ad una quota media di circa 200 m slm.

5078804
HABITAT NATURALE
Ranitomeya imitator è una specie che presenta un vasto e vario areale di distribuzione. Si rinviene infatti in ambienti pre-montani e montani di foresta umida fresca e nelle foreste mature di pianura qualora presentino una discreta copertura vegetale.
All’interno della foresta vivono in un fascia che va dal livello del suolo sino ai 6 metri di altezza, tra le chiome degli alberi, nonostante ciò preferiscono di gran lunga la fascia medio bassa, che arriva fino a 1,5 metri di altezza.
Caratteristica di questa specie è l’attività giornaliera, questa presenta infatti due picchi, uno al mattino ed uno nel tardo pomeriggio. Durante queste fasce orarie gli animali sono attivamente coinvolti nella ricerca del cibo e nei richiami, mentre nelle ore centrali della giornata tendono a rimanere nascosti nel fitto della vegetazione o all’interno di bromeliacee, che difendono come loro territorio.

imi_acctBIOLOGIA
I maschi di questa specie sono noti per avere un carattere decisamente aggressivo, tanto che le schermaglie fisiche sono all’ordine del giorno, nella contesa dei territori.
Per questo motivo spesso in natura si osserva un comportamento particolare: i maschi tendono a sostare nella vegetazione sporgendo dalle foglie con il proprio muso, questo permette infatti grazie alla colorazione sgargiante del sottogola e alla caratteristica macchiettatura di essere facilmente visibili anche da esemplari al di sotto di loro. Questo comportamento permette di dare notizia della loro presenza ad altri esemplari scongiurando nel maggior caso delle volte confronti ravvicinati.

imitator_orange8

La riproduzione in natura prevede la deposizione delle uova (generalmente due) sulla pagina superiore di foglie lisce e spesso parzialmente arrotolate.
In natura date le premurose cure che i genitori attuano alla prole e alla scarsa presenza di cibo, soprattutto nelle aree di alta montagna, una coppia riesce a portare alla maturità sessuale solo 2-4 girini all’anno.
Lo sviluppo dell’uovo richiede dai 16 ai 20 gg dopo di che il maschio deposita i girini in piccole raccolte d’acqua e per le successive 9 settimane guida la femmina ogni 4-15 gg a deporvi le uova sterili.

imitator_yuri2
DESCRIZIONE
Queste coloratissime rane, di taglia medio-piccola, misurano dai 17 ai 23 mm.
La colorazione è molto variabile, ma si può ricondurre, anche se a grandi linee, ai tre areali di distribuzione.

Highland form: questa forma è riconoscibile da due macchie nere circolari poste sulla punta estrema del muso. La colorazione di base varia dal giallo-arancione fino al verde, mentre il disegno dorsale è costituito da svariate macchie nere che in alcuni casi possono fondersi a formare delle linee. In questa zona Ranitomeya imitator tende ad imitare Ranitomeya variabilis con la quale condivide l’areale.

Lowland form : questa forma di pianura presenta una colorazione di base nera su cui si intersecano cinque righe longitudinali più o meno larghe di colore arancione o giallo.

Fantastica form: questa forma invece tende ad imitare la colorazione di Ranitomeya fantastica dalla quale però è distinguibile in quanto quest’ultima presenta generalmente una chiazza nera a forma di farfalla posta sulla testa.

D. IMITATOR
________________________________________
Nonostante queste colorazioni di base però, vi sono tutta una serie di altre colorazioni spesso intermedie e che spesso prendono il nome dalle località in cui sono state ritrovate per la prima volta. Ogni morph sembra sia caratteristico di particolari aree, a volte anche molto circoscritte (alcuni chilometri quadrati), e il continuo progredire del disboscamento, per far posto a pascoli per il bestiame o a coltivazioni di banano o altro, potrebbe in un futuro prossimo estinguerne alcune.
Detto questo cercheremo ora di dare una breve descrizione dei più comuni morph che si trovano in commercio, almeno in quello europeo, ricordando che a volte molte colorazioni reperibili sono frutto di incroci tra varie colorazioni naturali.
In base a questo noi consigliamo di acquistare il più possibile forme pure, al fine di mantenere le diverse linee genetiche che la natura con tanta cura ha selezionato.

0761

Mimic poison frog

Ranitomeya imitator (formerly Dendrobates imitator), is a species of poison dart frog found in the north-central region of eastern Peru. Its common name is mimic poison frog, and it is one of the best known dart frogs. It was discovered in the late 1980s by Rainer Schulte who later split it up into more subspecies; describing each as a specific color morph, and sometimes having a separate behavioral pattern. The acoustics, morphs, and behavior of the species have been extensively researched.

Morphology

A few of the morphs include, but are not limited to, striped, spotted, Varadero, and banded. The striped morph is the most widely spread, mimicking the striped Ranitomeya variabilis and can be found throughout the lower Huallaga drainage in Peru. The spotted morph mimics the highland spotted frog Ranitomeya variabilis with mainly blue-green coloration, but can be found in other forms, sometimes in yellow. The aradero morph is a lowland form that lives nearby another but does not resemble it. Last, the banded morph, a mimic ofRanitomeya summersi, lives in much drier climates than the average R. imitator and is most often found in Dieffenbachia and Heliconiaplants.

Toxicity

Like most other Ranitomeya species, R. imitator has a mild toxicity compared to other poison dart frogs. It produces the potentpumiliotoxin B, but its small size limits the amount of poison it can secrete. Like other poison dart frogs, it does not produce toxin in captivity. It probably gains its poison from consuming toxic insects or other invertebrates in the wild. Frogs of the related genus Phyllobatesmay derive their toxins from local melyrid beetles of genus Choresine.

Reproduction and parental care

Ranitomeya imitator and related frogs exhibit a degree of parental care, with the female laying feeder eggs for the tadpoles to eat. This frog is the first amphibian species in which the sexual partners have been shown to be monogamous.

Ownership

Compared to many other dart frog species, Ranitomeya imitator has relatively large and stable wild populations. However, they are often illegally collected and exported. They have also been imported legally, and multiple captive-bred varieties exist in the pet trade.

https://en.wikipedia.org/wiki/Mimic_poison_frog

 

MORPH

Nominat
E’ la forma nominale, presenta una colorazione di base giallo-verde ricoperta da una punteggiatura nera più o meno discontinua.
Anche le zampe presentano una reticolatura abbastanza fine con toni verde-azzuro.
Questa forma è molto prossima a R. variabilis, ed inoltre si presenta anche abbastanza “variabile” nella forma delle macchie e nella colorazione di base.
La provenienza in natura sembra non essere stata accertata, anche se presumibilmente si trova nei pressi di Cainarachi.

R. imitator nominat

R. imitator nominat

R. imitator nominat
R. imitator nominat
Ranitomeya imitator nominat
Ranitomeya imitator nominat
Ranitomeya imitator nominat
Ranitomeya imitator nominat

10372348_1749125541977432_266977148055446638_n Ranitomeya imitator “Nominat”. foto Дмитрий Б.

Terrario per  R. imitator nominat

12063747_506032942905686_2376202404446605018_n12065767_506033089572338_7727252255259159070_n12112235_506033149572332_7431976452172649158_n12032073_506033232905657_2558284102098147837_n 12038479_506033059572341_6094429334190397264_n

Cainarachi valley
Molto simile alla forma Nominat, questa colorazione è stata importata per la prima volta nel 2006-2007 attraverso in progetto denominato INIBICO. Durante questa importazione sono state importate due forme, una a toni verdi ed una a toni gialli.
La forma Cainarachi valley e la forma Nominat, provenienti come intuibile, dalla stessa vallata, sembrano rappresentare due popolazioni isolate che in natura si presentano isolate dal punto di vista genetico, cosa che però chiaramente non avviene in cattività.

Dendrobates imitator Cainarachi valley
Dendrobates imitator Cainarachi valley
Dendrobates imitator Cainarachi valley
Dendrobates imitator Cainarachi valley
Ranitomeya imitator Alto Cainarachi ( nominat )
Ranitomeya imitator Alto Cainarachi ( nominat )

 

11831793_337779929755890_5012169406406301099_n

Intermedius
Anche per questa colorazione non è certa la provenienza, ma potrebbe essere ascritta alla Huallaga Valley, nei pressi di Chazuta.
Questa forma presenta una colorazione di base quasi sempre aranciata, con una punteggiatura più grossolana e smussata delle precedenti, talvolta raggruppatesi in bande longitudinali. Le zampe presentano grosse macchie nere su fondo azzurro-aranciato, con toni del giallo.

Dendrobates imitator intermedius
Dendrobates imitator intermedius

intermedius_back_1intermedius_top_1R. Imitator Intermedius

Banded intermedius
Questa forma proveniente dal versante sud del Huallaga Canyon, è simpatrica con R. summersi. La colorazione è pressoché sugli stessi toni della forma Intermedius, ma la particolarità è data dal fatto che l’area nera è molto più estesa. L’intero animale è praticamente nero, con delle linee irregolari aranciate che lo solcano sia longitudinalmente che trasversalmente, ricoprendo oltre che il corpo anche le zampe. In questa forma quindi le zampe non presentano colorazione diversa del corpo, come avviene nelle altre forme.

indexindeximagesR. imitator banded 2R. imitator banded

 

                                                                                   

Ranitomeya Imitator Intermedius foto dendro iberica

Chazuta

Questa forma proveniente dall’omonima zona di origine,sembra essere stata esportata solo in un numero ridotto di esemplari, attualmente in possesso solo di alcuni allevatori negli Stati Uniti, mentre non sembra ancora essere stata esportata in Europa.

Chazuta blue
Chazuta blue

Chazuta blue

17961_gross1011251_293209634136687_6484434433620268720_n 1959995_293209760803341_6577008626820027846_n 10421334_293209667470017_6631640997164365372_n 10426207_293209644136686_6074433651537904995_n10606346_293209724136678_3526778140638809219_n 10997616_293209710803346_8850533286701817696_n 11054476_293209787470005_4707292172374924608_n 11069397_293209694136681_1826792348284938993_n11079593_293209740803343_4007996188328178464_n 11082629_293209680803349_368476379652223977_n 11082669_293209774136673_310213299947508936_n

12107746_755565711241425_8810554664237916766_n

Tarapoto
Morph proveniente dalla regione di Tarapoto, presenta colorazione di base giallo-arancio, a volte anche molto carico, con macchiettatura nera ampiamente distribuita e disomogenea. La colorazione delle zampe tende a colori scuri, dall’azzurro al blu intenso, con reticolatura
abbastanza fine.

1373 1479 148010952057_862444750445401_857840770784963260_n10491282_10153935110863313_4766869109785287101_n 10603193_10153935110838313_3607865943734542400_n69074_10153935110943313_4243762609161502917_n
Yurimaguensis
Questo morph presenta colorazione di base nera, solcata da strette e longitudinali linee gialle, è simile a R. ventrimaculata, anche se le due bande nere dorsali tendono a rimanere divise sempre e sembrano essere solcate dalla bandatura gialla solo a livello del
muso.
Le zampe si presentano di colorazione grigio-azzurra con reticolatura fine.

R. Imitator Yurimaguensis.

2592imitator_yellow4
Bajo Huallaga
Questo morph sembra provenire dalle regioni a nord-est di san Martin e Loreto e sembra essere stata importata per la prima volta nel 2009.
Presenta colorazione di base giallo limone, con disegno nero più o meno ondulato e smussato.
Le zampe sono azzurro intenso di base e con reticolatura grossolana.

bajobajo 2R.Imitator Jeberos

R.Imitator Jeberos on leaf of Begonia Rex - foto Raul J Martin‎ - Vivarium Terrarium Plants
R.Imitator Jeberos on leaf of Begonia Rex – foto Raul J Martin‎ – Vivarium Terrarium Plants

 

Varadero
Spesso chiamate anche Jeberos, presentano colorazione di base arancio intenso, a volte metallizzato, con macchie nere molto fitte e compatte nella parte dorso-anale, e che via via vanno rarefacendosi verso il muso, lasciando questo spesso completamente sprovvisto di macchie e con due sole piccole a livello del naso.
La colorazione delle zampe è azzurro intenso con reticolatura fine.

Varadaro-female-Clean varadero 2 varadero

Ranitomeya imitator Varadero 4 Ranitomeya imitator Varadero 5 Ranitomeya imitator VaraderoRanitomeya imitator Varadero 2 Ranitomeya imitator Varadero 3

Ranitomeya imitator 'Varadero'

Ranitomeya imitator huallaga/orange

R. imitator banded
R. imitator banded

ALLEVAMENTO IN CATTIVITA’

IMG_2418
• Temperatura ed umidità:
La temperatura ideale si aggira dai 22 ai 26°C di giorno, con cali anche di 3-4°C durante la notte, a seconda che si tratti di morph di alta quota o meno.
L’umidità invece andrebbe mantenuta costantemente elevata, intorno all’80-90%, seguendo magari un periodo leggermente più asciutto durante i mesi estivi, così da simulare la stagione “secca” alla quale gli animali sono sottoposti in natura.
• Terrario:
Il terrario per questa specie dovrebbe essere di adeguate dimensioni data la territorialità dei maschi. Per singole coppie però già volumi di 30x40x40 cm sono sufficienti.
Importante invece è la fase relativa all’arredamento, il quale maggiormente rispetto ad altre specie va curato nei dettagli, data la necessità di fornire anfratti in cui possano nascondersi con facilità ed un sufficiente numero di bromeliacee, (meglio se Neoregelie), nelle quali il maschio possa identificare il proprio territorio.

Varadaro-female-Clean-2
• Alimentazione:
Come per tutte le rane di piccola taglia la base per una corretta alimentazione sono i collemboli e Drosophyla melanogaster, questi due cibi sono infatti essenziali e necessari ad un corretto allevamento, mentre altri come Drosophyla hydei o afidi possono essere si tranquillamente somministrati, ma bisogna avere l’accortezza di monitorare se vengano di buon grado accettati.

herps_837
RIPRODUZIONE
In questa specie sono stati osservati comportamenti afferibili alla monogamia, infatti nell’osservazione di alcune coppie in natura e alla successiva analisi genetica della paternità dei girini si sono riscontrate basse percentuali in cui un maschio avesse originato “prole” con una femmina diversa dalla principale.
Questo comportamento sembra essersi evoluto in situazioni in cui la carenza ci cibo abbia costretto alle cure parentali entrambi i genitori, impedendo così di fatto la possibilità per il maschio di dedicarsi alla ricerca di nuovi partner.
In natura le deposizioni avvengono durante la stagione delle piogge quando il maschio con insistenti e acuti trilli sprona la femmina a seguirla nel sito prescelto.
In terrario i siti di deposizione sono un po’ differenti dalle altre specie del gruppo, nel senso che pare che questa specie disdegni decisamente i porta rullini, o per lo meno non li ritenga così “appetibili” come lo sono per esempio per R. ventrimaculata.

3686images 4
Invece molto spesso le uova vengono depositate su di superfici lisce e verticali, come le pareti in vetro del terrario o una foglia ampia e pulita.
Durante le nostre osservazioni solo alcune deposizioni sono avvenute nei porta rullini e cosa particolare, una buona parte di queste sono avvenute sopra gli stessi, esternamente, forse per il fatto che effettivamente appaiono lisci e scuri.
Infine anche le foglie delle bromegliaceae, come le Neoregelie, sembrano essere gradite da questa specie come sito di deposizione.
I porta rullini invece sembrano essere graditi come siti di accrescimento del girino, dato che anche in natura sovente allevano la propria prole in piccolissime raccolte d’acqua, contenenti anche solo alcuni ml di acqua.
Per questo motivo si consiglia di inserire i porta rullini a varie altezze e con un’inclinazione di circa 45°, in tale sistemazione sarà quindi facile che questo si riempia di acqua e facilitata sarà anche l’entrata e l’uscita dei genitori dallo stesso.
Come si sarà capito questa, come altre, è una specie che tende a somministrare cure parentali, come la deposizione di uova sterili ad intervalli regolari.

4333
L’allevatore però può fare due scelte, o lasciare i girini alle cure dei genitori o accrescerli a parte, la cosa importante però è scegliere precocemente cosa fare, dato che girini a cui siano state somministrate uova sterili sembrano non accettarne la mancanza nel proseguo del loro sviluppo.
Personalmente è stata fatta la prova sottraendo alle cure genitoriali un girino a circa un mese di sviluppo il quale è stato mantenuto successivamente solo con mangimi liofilizzati e spirulina. Ebbene lo sviluppo è andato comunque a buon fine senza particolari patologie e malformazioni, quindi questa particolarità, almeno per questa specie, potrebbe essere rivista.
L’allevamento dei piccoli, avviene in piccoli contenitori, parzialmente arredati con foglie e qualche nascondiglio ed alimentati inizialmente con collemboli per poi passare dopo alcuni mesi a Drosophyla melanogaster.
A differenza delle condizioni naturali, dove in numero di baby allevati da una coppia è decisamente basso, in cattività può essere di gran lunga aumentato, soprattutto se le uova vengono prontamente sottratte alle cure parentali.
Questo oltre ad alleviare il carico di lavoro ai genitori, fa si che il maschio cerchi prontamente un nuovo accoppiamento e quindi ricominci i rituali del corteggiamento.
La maturità avverrà intorno al 6° mese di vita.

3563
NOTE
Una caratteristica di questa specie riguarda proprio il fatto che riesca ad imitare le altre presenti nel medesimo territorio, ma la cosa ancora più particolare è relativa al fatto che ogni singola popolazione si sia adattata ad una sola altra specie convivente.
Questo sembra essere una caratteristica continuativa nel tempo, tanto da essere confermata dal punto di vista genetico.

chazuta1

Altra nota è riferita d alcune varianti cromatiche, o almeno presunte un tempo tali.
La prima di queste è la così detta Ranitomeya imitator panguana, (colorazione giallo-aranciata), in realtà è stato dimostrato che questa variante non esiste e quella che un tempo era considerata come tale si è rivelata una specie a se stante denominata Ranitomeya lamasi panguana.
In parallelo anche un’altra specie era considerata variante cromatica di R. imitator e trattasi di R. uakarii, attualmente ben distinta dalla precedente.
La conferma che si tratti di specie a se stante è data anche dalla colorazione del girini, che in R. imitator è bianco-sporco, mentre nelle altre è decisamente più scura, quasi tendente al nero.

Dendrobates imitator, Mimic Poison Frog, Ron Holt, Courtesy Atlanta  Botanical Garden

5 Risposte a “RANITOMEYA IMITATOR”

  1. I don’t know if it’s just me or if perhaps everybody
    else encountering problems with your blog. It looks like some of the written text within your posts are running off the screen.
    Can somebody else please comment and let me know if this
    is happening to them too? This may be a issue with my web browser because
    I’ve had this happen previously. Thanks

    1. I do not understand what your problem is due, it is the first time it is reported to me.

  2. great points altogether, you just won a emblem new reader.
    What may you suggest about your put up that you just made some days ago?
    Any positive?

  3. I might be interested, but I have no idea what to do. If you tell me what to do and where I could evaluate a collaborative assumptions, why not?

I commenti sono chiusi.