Crea sito

IL MIO PALUDARIO

IMAG0149Nel progettare il mio paludario, volevo che assomigliasse il più fedelmente possibile ad un angolo della foresta allagata sudamericana detta anche “igapò”.
L’ACQUARIO
Per fare questo ho usato un acquario di circa 400 litri di capacità avente le seguenti misure: 120x60x60.
L’acquario è dotato di un filtro biologico a comparti caricato con materiale filtrante quali la lana di Perlon, cannolicchi in ceramica e spugna sintetica. Una pompa da 600 l/h riporta l’acqua filtrata in acquario attraverso una piccola cascata posta sul lato sinistro del paludario. Nel filtro trova posto anche un riscaldatore a provetta tarato sui 25°C.
Sul fondo dell’acquario ho inoltre fissato con del silicone un cavetto riscaldante che contribuisce a creare quella corrente di aria calda ascensionale che tanto bene fa alle piante. Ricordo che un fondo sabbioso freddo provoca alle piante la cosiddetta malattia dei “piedi freddi”, rallentando la crescita o addirittura provocando la morte dei vegetali.
Come sfondo, per le pareti posteriori dell’acquario, ho optato, per la parete del filtro, per uno sfondo tridimensionale in resina, in vendita nei negozi di acquariofilia. Questo sfondo è molto realistico e rappresenta un tronco di legno con radici contorte immerso nell’acqua (ideale per la mia idea di foresta allagata), per le restanti due parti di pareti posteriori (ai lati del filtro), mi sono autocostruito due sfondi tridimensionali in polistirolo.

1656228_458480414274476_1396292863_n
COSTRUZIONE SFONDO TRIDIMENSIONALE
Per costruire questi due sfondi ho tagliato a misure due fogli di polistirolo che andranno in seguito incollati con il silicone alla parete posteriori dell’acquario. Ho costruito della finta roccia, assemblando pezzi rotti di polistirolo e li ho incollati con del silicone ai fogli di polistirolo. Ho aggiunto qualche piccolo contenitore in plastica, fissandolo sempre con del silicone. Per nascondere alla vista questi contenitori (che in seguito, saranno la dimora di alcune piante palustri), li ho ricoperti con piccoli pezzi di polistirolo. A questo punto ho modellato il polistirolo con un attrezzo a caldo (usato per saldare), il polistirolo scaldato si raggrinzisce e si verranno così a formare delle asperità tipiche delle rocce naturali.
A questo punto, dopo aver visto che il mio lavoro, mi soddisfaceva dal lato visivo, ho ricoperto il tutto con della colla per piastrelle Kerakoll H40. Questa colla, in polvere, va diluita con un po’ d’acqua a formare una sorta di pastella non troppo liquida ma neanche troppo densa. Con l’aiuto di un pennello, ho ricoperto appunto tutto lo sfondo. Vanno date due o tre mani di questa colla sul polistirolo, in quanto la prima mano fatica ad attaccarsi allo stesso. Se si vuole evitare questo inconveniente si può usare come aggrappante della cementite. Attenzione: va usata quella all’acqua perché altrimenti il polistirolo si scioglie completamente.
La mia parete rocciosa iniziava a prendere forma.
Lasciata asciugare bene la colla per piastrelle (tra una mano e l’altra ci devono passare almeno tre o quattro giorni, dipende dal clima e dalla stagione), sono passato alla verniciatura.
Sempre con colori ad acqua, perché sono atossici se immersi in acquario.
Con l’aiuto di una bomboletta spray ho dato una prima mano di smalto nero (all’acqua) su tutto lo sfondo. Dopodiché mi sono sbizzarrito con i colori che più mi appagavano l’occhio (marrone, verde, beige, ocra). Qui serve un po’ di fantasia e spirito di osservazione. A lavoro finito, lo sfondo tridimensionale è quasi pronto per essere fissato alla parete dell’acquario. Manca un ultimo passaggio: l’impermeabilizzazione. Se immergiamo in acqua, lo sfondo così fatto, infatti, i colori a lungo andare, si scioglieranno nel liquido, causando l’intorbidamento dello stesso, eventuali patologie ai pesci e lo “sbiancamento” dello sfondo, decisamente poco gradevole alla vista.
Per ovviare a questo inconveniente bisogna usare un impermeabilizzante. Io ho usato del PLASTIVEL spray (va bene anche quello da dare con il pennello). Ho spruzzato il Plastivel su tutta la mia opera. Anche qui andrebbero spruzzate (o spennellate) più mani, lasciando sempre asciugare bene tra una mano e l’altra.
Ci sarebbe anche un’altra soluzione, decisamente più costosa e problematica. L’uso della resina epossidica bicomponente. Problematica perché? Perché le due componenti di questa resina, affinchè il composto diventi attivo vanno miscelate fra loro e una volta miscelate induriscono abbastanza in fretta. Per cui andrebbero miscelate solo piccole dosi un po’ per volta. Un lavoro lungo e laborioso.
Il Plastivel va benissimo.
L’unica raccomandazione è quella che una volta terminato lo sfondo 3D va risciacquato molte volte sotto l’acqua corrente o addirittura lasciato a bagno nell’acqua per alcune settimane (cambiando l’acqua ogni giorno). Questo perché eventuali sostanze tossiche per gli animali si disperdano e volatilizzino rendendo inerte la struttura.
Terminato tutto questo lavoro, lungo ma di enorme soddisfazione (è bello vedere crescere una cosa costruita con le tue mani anziché acquistarne uno già bello e pronto), ho proceduto con il fissaggio dello sfondo al vetro posteriore dell’acquario. Per fare questo ho usato del silicone. Ho cosparso bene di silicone la parete posteriore dello sfondo, l’ho premuto con decisione ma senza troppa pressione, altrimenti si spaccava, contro il vetro ed ho aspettato qualche minuto, il tempo che il silicone iniziasse a polimerizzare. Eventualmente si può appoggiare qualche libro contro lo sfondo per tenerlo fermo fino a quando non sarà perfettamente fissato al vetro. Fare molta attenzione a non risparmiare sul silicone, perché una volta che sarà introdotta l’acqua, la pressione della stessa spingerà il polistirolo verso l’alto e se non è fissato bene, vi salta fuori come un siluro con le conseguenze che tutti potete immaginare.

1555339_458481450941039_317332530_n
FONDO DELL’ACQUARIO
Dopo aver fissato gli sfondi tridimensionali al vetro posteriore e il cavetto riscaldante sul fondo dell’acquario, ho introdotto il substrato composto da un primo strato di terriccio fertilizzato studiato appositamente per la coltivazione di piante acquatiche. Di seguito con alcune rocce ho creato delle terrazze, movimentando il fondo, altrimenti troppo piatto. A questo punto ho versato del ghiaietto quarzifero chiaro, avendo cura, di aumentarne lo spessore nelle terrazze create. Ho completato l’arredamento dell’acquario con radici e legni, in vendita nei negozi di acquariofilia appositamente per gli acquari d’acqua dolce.

548386_458481434274374_693607244_n
IL RETRO DELL’ACQUARIO
Nella parte posteriore dell’acquario è stato inserito un cassone in legno, largo 20 cm e lungo 120 cm e alto 30 cm, opportunamente impermeabilizzato dove poi ho inserito del terriccio e dove ho introdotto alcune piante.
Per coibentare il cassone di legno ho usato, una volta assemblate le tavole fra di loro, della catramina per la verniciatura interna della scatola.
Dopo aver lasciato asciugare bene la catramina, ho incollato alle pareti interne e sul fondo del cassone dei fogli di polistirolo spessi 1 cm.
Come ulteriore protezione contro l’umidità e le infiltrazioni d’acqua ho inserito all’interno del contenitore un foglio di nylon del tipo più spesso, lasciato opportunamente più abbondante (l’ho fissato poi esternamente alla scatola con della colla e del nastro adesivo).
Il foglio di nylon va fatto aderire bene alle pareti del contenitore, per fare questo ho distribuito contro le pareti di polistirolo una dose massiccia di silicone e poi ho introdotto il telo, modellandolo con le mani per farlo aderire perfettamente alle pareti.
Facendo così però l’acqua che verrà usata per annaffiare le piante si depositerà sul fondo facendo inzuppare il substrato e questo potrebbe causare del marciume radicale alle piante, cosa che dobbiamo assolutamente evitare.
Per ovviare a questo inconveniente, ho escogitato un sistema (l’idea non è mia, ma rubata da internet). Ho preso un tubo di plastica rigida del diametro di 2-3 cm. L’ho tagliato leggermente più alto della scatola in legno (un paio di cm bastano). Con l’aiuto di un trapano ho praticato una serie di fori a varie altezze su di un lato del tubo. Ho ricoperto questi fori con una rete a maglie fini (zanzariera) che ho fissato al tubo on una fascetta in plastica. Con del silicone ho poi fissato il tubo, con la parte dei fori, rivolta verso il basso, al fondo della scatola.
Questo stratagemma serve ad aspirare l’acqua in eccesso che si andrà inevitabilmente a formare sul fondo della scatola. Per aspirare l’acqua ho usato una grossa siringa priva dell’ago, nella quale ho incollato (al posto dell’ago) un tubicino al silicone (del tipo usato per gli aeratori degli acquari), lungo qualche cm più del tubo in plastica.
Come si utilizza questo sistema?
Semplice si introduce il tubicino al silicone all’interno del tubo in plastica rigido e con l’aiuto della siringa si aspira l’acqua. Tutto qui, semplice ma ingegnoso!
Ora il cassone in legno è pronto per essere riempito.
Il primo strato sarà composto da palline di argilla espansa nella misura di 3-4 cm di altezza. Queste palline serviranno come drenaggio dell’acqua e serviranno per non far otturare i fori nel tubo di plastica dal terriccio dilavato dall’acqua.
Sopra le palline di argilla espansa, andrà steso un foglio di tessuto non tessuto. Questo tessuto è quello usato in orticoltura per proteggere gli ortaggi dal gelo o dalla pioggia intensa. Nel mio caso il suo uso è utile perché non permette al terriccio di infilarsi tra le palline di argilla espansa.
Il prossimo strato, sarà composto dal terriccio vero e proprio. Per una buona crescita delle piante andrà formata una miscela composta da terriccio universale, torba, sabbia e foglie sminuzzate. Introdurre anche dei pezzi di carbone (la carbonella da barbecue è l’ideale). Il carbone servirà a sterilizzare il terriccio da eventuali agenti patogeni.

1620361_458482160940968_243018378_n
LA PARETE POSTERIORE
Questa parete è il vero punto focale di tutta la struttura, quella che attira subito la vista dell’osservatore e quindi va preparata con la massima cura nei dettagli.
Nel mio paludario, ho usato per la struttura, dei pannelli di legno dello spessore di 1,5 cm, alti 90 cm e larghi 60 cm. Li ho verniciati precedentemente con catramina (2 mani) ed in seguito li ho fissati al muro di casa con dei tasselli. Il loro posizionamento deve corrispondere alla lunghezza dell’acquario e del cassone in legno posto dietro di esso. Il bordo inferiore del pannello deve corrispondere con quello posteriore del cassone. Altri due pannelli più stretti sono stati fissati ai lati di quelli più grandi in corrispondenza dei lati corti del cassone. Anche questi precedentemente verniciati con catramina.
Quando tutta la struttura è stata fissata, ho incollato a tutti i pannelli dei fogli di polistirolo, ricoprendo tutta la superficie disponibile.
Anche qui, come per lo sfondo tridimensionale dell’acquario ho creato della roccia sintetica, usando lo stesso procedimento. Per le piante ho usato dei vasi in plastica, più grossi rispetto a quelli usati per l’acquario. Anche questi vasi sono stati celati alla vista con del polistirolo. Sempre usando lo stesso procedimento dello sfondo 3D ho ricoperto in tutto con colla per piastrelle, vernice e plastivel. Inoltre in alcuni punti, ho aggiunto della torba, fissandola alla parete rocciosa quando il plastivel era ancora in fase di asciugatura. Una volta asciutto, plastivel e torba diventavano un tutt’uno e non si sarebbe più staccata.
Dopo aver terminato la “roccia” ho aggiunto alcuni grossi rami in legno (prelevati in natura) per completare l’arredamento. Inoltre nella parte bassa hanno trovato posto anche alcuni grossi ciottoli a simulare la riva di un torrente.

1558399_458482764274241_685973681_n
VETRI LATERALI
Per consentire una nebulizzazione dell’acqua ottimale alle piante e per una questione estetica ho aggiunto due vetri laterali, alla struttura, appoggiandoli sopra ai vetri laterali dell’acquario con una guida in alluminio e fissati con del silicone. Il lato lungo di questi vetri invece è appoggiato contro i pannelli in legno laterali della parete posteriore, sempre usando una guida in alluminio e sempre fissandoli con del silicone.
ILLUMINAZIONE
Per illuminare il tutto ho usato una plafoniera HQI da 150 watt a luce bianca appesa al soffitto (illuminazione piante della zona emersa), invece l’acquario è illuminato dal un tubo al neon da 30 watt, posto dietro il vetro frontale dell’acquario e appeso al soffitto tramite due cavetti in acciaio. Due timer, uno per lampada, accendono e spengono in tempi diversi le due fonti di illuminazione del mio paludario con un intervallo temporale di 12 ore circa.

1661999_458482444274273_585262016_n

NEBULIZZAZIONE E IRRIGAZIONE

Le piante poste nella zona emersa del mio paludario vengono nebulizzate con acqua osmotica (priva di calcare) una o due volte al giorno con un nebulizzatore manuale. Ogni due o tre giorni inoltre vengono irrigate con acqua prelevata direttamente dall’acquario. Non sono usati fertilizzanti chimici perchè l’acqua usata per le nebulizzazioni o per l’irrigazione potrebbe finire involntariamente in acquario cusando la morte dei pesci presenti. Gli unici fertilizzanti usati sono quelli per uso acquariologico e introdotti direttamente in acquario.

1010624_458482840940900_1800513244_n

PIANTE
Nella zona emersa ho introdotto svariati tipi di piante (bromelie, ficus, Spathiphyllum, Asplenium, begonie, orchidee, Tillandsie, ecc.) mentre ho arredato l’acquario con piante resistenti e non affamate di eccessiva luce, come Anubias, Cryptocoryne, Vallisneria. Alcune piante emerse coma la Riccia fluitans completano l’arredamento dell’acquario.

8194_458480934274424_892235810_n
PESCI
Come ospiti dell’acquario inizialmente avevo inserito pesci tipici dei fiumi sudamericani, quali Corydoras, Paracheirodon innesi (neon), Apistogramma, Petitella, Scalari, ecc. Ora invece l’acquario ospita una coppia di Cichlasoma nigrofasciatum e una moltitudine di piccoli di questi pesci, di svariate dimensioni. Nessun altro pesce ha resistito all’esuberanza di questi territoriali ciclidi sudamericani.

1779708_458483260940858_1116057911_nFOTOSTORY DEL MIO PALUDARIO

1496638_458480400941144_178252022_n1512523_458480490941135_508630040_n1545980_458480520941132_2083363466_n1002161_458480714274446_1148575113_n1544975_458480540941130_1060622778_n1000853_458480740941110_833522579_n1621681_458480907607760_900984750_n1017353_458480927607758_1872871507_n 1549272_458480974274420_1280546839_n 1779109_458481020941082_1067746720_n 1510802_458481044274413_1756547288_n1536672_458481404274377_205913243_n 1555339_458481450941039_317332530_n 548386_458481434274374_693607244_n 1621748_458481510941033_1417256008_n995804_458481694274348_1785001198_n 1621848_458481627607688_1551352973_n 1623715_458481674274350_698071869_n 10039_458481847607666_1148776590_n1005365_458481814274336_2114266593_n 1467194_458481864274331_2133804974_n 1546226_458481960940988_1709525831_n 1620361_458482160940968_243018378_n1557601_458482270940957_1439836174_n 1558399_458482764274241_685973681_n 1662680_458482867607564_1868049976_n 1535675_458483227607528_781920156_n1380619_412618172194034_629528778_n 1380605_412618378860680_1740795724_n 1379414_412618448860673_364898382_n1002670_495192857269898_9029415055837042810_n 1016949_495193257269858_2261807642994333453_n10250063_495193097269874_7271644470411423904_n 10275990_495194910603026_8973012180901072078_n10151297_495196870602830_1158581221146895773_n 10177477_495198280602689_8098026910953180301_n1959226_495196980602819_904505077914501294_n10275990_495198367269347_2170389651896832654_n10170944_495199080602609_4967542227445643528_n 10258054_495199170602600_4268645148496298107_n 988477_495199227269261_4478822330534121059_n1380261_412619215527263_483026868_n 1392778_412619355527249_971364600_n1385007_412619348860583_1180821669_n1383377_412619448860573_660290858_n1377003_412619565527228_2044025010_n10154148_500412996747884_6514437305937081641_n 10299071_500412810081236_5252808024118667197_n 10313530_500413270081190_3938779649098819814_n10154148_500412996747884_6514437305937081641_n 10174778_500412883414562_634362623717784199_n 10245532_500413453414505_327741316775242203_n10313530_500413270081190_3938779649098819814_n10174778_500412883414562_634362623717784199_n 988477_495199227269261_4478822330534121059_n 10258054_495199170602600_4268645148496298107_n 10170944_495199080602609_4967542227445643528_n10177348_500412993414551_4879993938447651596_n10275990_495198367269347_2170389651896832654_n 10177477_495198280602689_8098026910953180301_n1959226_495196980602819_904505077914501294_n 10151297_495196870602830_1158581221146895773_n10275990_495194910603026_8973012180901072078_n 1016949_495193257269858_2261807642994333453_n 10250063_495193097269874_7271644470411423904_n 1002670_495192857269898_9029415055837042810_n1779708_458483260940858_1116057911_n 1535675_458483227607528_781920156_n 1560412_458483204274197_1450125027_n 1622615_458483184274199_880410059_n1511661_458483034274214_1036583448_n 1622639_458483007607550_931739959_n 1662680_458482867607564_1868049976_n 1010624_458482840940900_1800513244_n1558399_458482764274241_685973681_n 75064_458482640940920_836386705_n 1661999_458482444274273_585262016_n 1557601_458482270940957_1439836174_n1467194_458481864274331_2133804974_n 10039_458481847607666_1148776590_n 1005365_458481814274336_2114266593_n1546226_458481960940988_1709525831_n1620361_458482160940968_243018378_n1780824_458481250941059_886886405_n1621848_458481627607688_1551352973_n 1623715_458481674274350_698071869_n 1656106_458481144274403_784414479_n