Foresta di bassopiano e foreste montane

Il termine “foresta pluviale tropicale di bassopiano” si riferisce alla maggioranza delle foreste tropicali che crescono su di un terreno pianeggiante ad altitudini inferiori ai 1.000 m. La foresta primaria di bassopiano, spesso caratterizzata da più di cinque livelli sovrapposti, è soltiamente più alta e a maggiore diversità rispetto alla foresta montana. Essa presenta una maggiore diversità di alberi da frutto quindi più animali adattati specialmente a nutrirsi dei loro frutti e mammiferi più grandi. La foresta pluviale di bassopiano è di gran lunga più minacciata della foresta montana a causa della sua accessibilità, maggiore presenza di suoli adatti all’agricoltura e più piante da legno duro adatte per ricavarne legname. In molti paesi, tutta la foresta primaria di bassopiano è virtualmente scomparsa, mentre la foresta montana rimane ancora.

foresta montana
foresta montana

foresta

La foresta pluviale tropicale montana è una foresta che cresce sulle montagne e sopra un’altitudine di 1.500 m. La foresta montana si manifesta spesso come “foresta delle nuvole“, una foresta che riceve la maggior parte delle sue precipitazioni dalla nebbia che proviene dai piovosi e umidi bassopiani. Gli alberi delle foreste delle nuvole sono tipicamente più bassi di quelli delle foreste dei bassopiani, cosa che ha come conseguenza una copertura meno sviluppata. Ciononostante,

Bromelie epifite sugli alberi della foresta tropicale montana
Bromelie epifite sugli alberi della foresta tropicale montana

gli alberi della foresta delle nuvole sono pesantemente caricati di epifite (piante che crescono abbarbicate ad altri vegetali), che prosperano grazie all’abbondanza di umidità causata dalla nebbia in transito. Gli alberi in posti quali le alture più basse delle Ande (in Ecuador, Perù, Colombia e Venezuela), l’America Centrale (in particolare Monteverde in Costa Rica), il Borneo (Mont Kinabalu) e l’Africa (Etiopia, Kenia, Ruanda, Zaire, Uganda) sono frequentemente verdi a causa del muschio denso e delle belle e spesso rare, orchidee.

Hummingbird-colibri10454301_550159235115408_8584640801707392240_nangraecum_didieri_popup

Chiazze di foresta montana tendono ad avere molte specie endemiche, dato che sono spesso isolate da altre chiazze di foresta montana a cuasa di depressioni e rilievi. A queste specie è impedita la migrazione verso altre chiazze di foresta da questi ostacoli ai lati, dalla foresta di bassopiano in basso e da ripidi dirupi in alto. Le foreste montane ospitano una gran quantità di colibrì, rane e orchidee, molti dei quali sono endemici di una singola località come il rospo dorato di Monteverde, in Costarica. Le foreste montane generalmente mancano in abbondanza di grossi mammiferi a causa del basso numero di alberi che producono frutti.

Gli alberi delle foreste pluviali di montagna come abbiamo visto raggiungono un’altezza molto minore rispetto a quelli della foresta di pianura. La loro crescita è rallentata da un insieme di fattori, una più bassa temperatura, precipitazioni più incostanti e mancanza di sostanze nutrienti a causa della maggiore altitudine. Predominano quindi alberi nodosi e contorti ricoperti di abbondanti muschi e una miriade di altre piante epifite.

Questo tipo di foresta svolge un ruolo chiave per la protezione dell’ambiente, infatti senza di essa nelle zone di montagna si verificherebbe un’erosione del suolo con conseguente abbattimento sulla pianura di violente inondazioni di portata devastante. Con l’effetto spugna costituiscono un serbatoio idrico fondamentale.

Foresta tropicale di bassopiano nel Borneo
Foresta tropicale di bassopiano nel Borneo
Precedente Foresta primaria e foresta secondaria Successivo IL TERRARIO AD AMBIENTAZIONE TROPICALE