Bulbophyllum frostii

Bulbophyllum frostii

Risultati immagini per Bulbophyllum frostii

Famiglia: Orchidaceae  Sottofamiglia: Epidendroideae   Tribù: Podochilaeae   Sottotribù: Bulbophyllinae     Genere: Bulbophyllum     Specie: Bulb. frostii

Questa specie simpodiale ha i pseudobulbi molto piccoli, di 1 – 1.5 cm, e sono piccoli anche i fiori, che raggiungono al massimo 3 – 4 cm. La forma dei fiori è molto curiosa: assomigliano a piccoli zoccoli antichi. La Bulbophyllum frostii proviene dal Vietnam, più raramente si trova anche in Tailandia. Il suo habitat naturale sono le foreste sempreverdi, dove l’orchidea cresce come epifita ai 1200-1400 metri di altezza. La coltivazione non è difficile, ma bisogna rispettare alcuni particolari.

 

Collocamento

Prospera montata su una zattera. In questo caso però dovremo mantenere l’umidità dell’aria elevata, quindi se non disponiamo dei mezzi per farlo, è meglio coltivare questa specie in vaso. Come substrato funziona bene lo sfagno (mai metterlo troppo fitto, perché in questo modo non permetterà all’aria di arrivare alle radici e provocherà il marciume radicale a cui la Bulbophyllum frostii è molto predisposta), oppure il bark delle dimensioni medio-piccole (1.5-2 cm).

Luce

Nel suo habitat naturale si trova anche in penombra, ma in coltivazione è meglio darle un’intensità della luce più alta: 14000-16000 lux. Non tollera i raggi diretti del sole.

Temperatura

La Bulbophyllum frostii è una specie da serra intermedio-calda / calda. Vanno bene 22-25°C di giorno e 18-20°C di notte; mentre in inverno le temperature possono essere un paio di gradi di meno.

Umidità dell’aria

Se la nostra Bulbophyllum è montata su una zattera, l’umidità dell’aria deve essere intorno ai 75%. Se è tenuta in vaso, può tranquillamente stare con i classici 50-60%.

Risultati immagini per Bulbophyllum frostii

Bagnatura

Questa specie non ha un distinto periodo di riposo invernale, quindi si bagna nel modo regolare durante tutto l’anno appena il substrato si è asciugato bene ma non è ancora diventato completamente asciutto. Però, se nei mesi invernali la nostra pianta ha rallentato la crescita, è meglio ridurre un pochino anche le bagnature, specialmente se le temperature sono più fresche di quelle estive. Comunque, non bisogna mai lasciare che la pianta rimanga completamente asciutta per più di un giorno.

Risultati immagini per Bulbophyllum frostii

Concime

Poiché le radici della Bulbophyllum frostii sono molto sensibili, la concimiamo con tanta prudenza, circa 1 volta al mese, con 1/6 della dose indicata sul flacone del concime. Come concime bisogna sempre prendere quello apposito per le orchidee, liquido, con i valori di N-P-K bilanciati (20-20-20, 5-5-5, ecc).

Fioritura

La Bulbophyllum frostii fiorisce dalla base dei pseudobulbi nuovi quando questi sono maturati. Non ha bisogno del periodo di riposo per stimolare la fioritura. Ogni stelo floreale porta da 2 a 4 fiori che hanno un odore un po’ sgradevole, come il resto delle Bulbophyllum, ma non forte. Il solito periodo per la fioritura è la primavera tarda – l’estate, ma gli esemplari ben sviluppati che consistono in tanti pseudobulbi possono anche fiorire in autunno o, addirittura, in inverno.

Risultati immagini per Bulbophyllum frostii

 

 

Precedente Paludarium 200x50x50 & 100x40x50 per Geosesarma Vampire Crab - Uli Buck Successivo Bulbophyllum medusae