Illuminazione

tropicale
La corretta illuminazione del terrario è un fattore importante per il buon mantenimento e allevamento dei Dendrobatidi in terrario. L‘illuminazione promuove negli animali un comportamento naturale e ne stimola la riproduzione.
Tipicamente la maggior parte dei dendrobatidi vive nel fitto del sottobosco della foresta pluviale dove al suolo filtrano pochi raggi di sole, malgrado ciò una buona quantità di luce è indispensabile per il benessere delle rane e in particolare modo delle piante.
La quantità di luce e quindi il numero di lampade da installare dipende dalle dimensioni e soprattutto dalla profondità del terrario.
tra le lampade migliori segnalo quelle fitostimolanti utilizzate in acquariofilia, i sono lampade che tendono al rosa riproducendo alla perfezione la luce del sottobosco e altre che producono una luce bianca molto intensa.

 È consigliabile montare dei tubi al neon dedicati agli anfibi, che richiedono modeste quantità di radiazioni U-B. Il fotoperiodo dovrebbe essere di 10-12 ore, possibilmente costante nell’arco dell’anno.

La durata dell’illuminazione non va adattata soddisfacendo però semplicemente il ritmo giorno/notte ma tenendo conto anche del ritmo estate/inverno.

Tutte le lampade, dopo circa 12 mesi di funzionamento, perdono la loro efficacia ed è buona norma sostituirle. In linea di massima in un terrario alto 50 cm si possono installare uno o due neon da 18 Watt mentre, per terrari profondi 80 cm o più, sarebbe meglio predisporre almeno tre neon; se si installano però troppe lampade il terrario risulterà innaturale e anche le rane ne potrebbero soffrire.

paludario-terrario-compressed1

Precedente Riscaldamento Successivo EPIPEDOBATES